NEWS

Notizie dal mondo FSC

Tuesday, 08 March 2022
Niente materiale FSC dalla Russia e dalla Bielorussia fino al termine dell'invasione

(© FSC IC)© FSC IC

A causa della possibile associazione del settore forestale in Russia e Bielorussia con il conflitto armato, non sarà consentito il commercio di materiale certificato FSC o legno controllato proveniente da questi Paesi.


FSC rimane profondamente preoccupata per l'invasione operata dalle forze russe in Ucraina ed è solidale con tutte le vittime di questa violenza. Al fine di garantire la propria missione e il proprio sistema e dopo un'analisi approfondita del potenziale impatto, il Consiglio di Amministrazione internazionale di FSC ha deciso di sospendere tutti i certificati commerciali in Russia e Bielorussia e di bloccare tutto l'approvvigionamento di legno controllato dal due Paesi.

Ciò implica che i prodotti legnosi e forestali provenienti dalla Russia e dalla Bielorussia non potranno essere utilizzati nei prodotti FSC o venduti come certificati FSC in qualsiasi parte del mondo finché il conflitto armato continua. FSC continuerà a monitorare da vicino la situazione ed è pronta ad adottare misure aggiuntive per proteggere l'integrità del proprio sistema.

“Tutti i nostri pensieri vanno all'Ucraina e al suo popolo, e condividiamo le speranze per un ritorno alla pace. Esprimiamo anche la nostra solidarietà a quelle persone in Bielorussia e Russia che non vogliono questa guerra", ha affermato il Direttore Generale del Forest Stewardship Council, Kim Carstensen.

Per continuare a proteggere le foreste in Russia, FSC consentirà ai titolari di mantenere la certificazione FSC di gestione forestale, ma non il permesso di commerciare o vendere legname come certificato FSC. Carstensen ha spiegato: “Dobbiamo agire per bloccare questa aggressione; allo stesso tempo però, dobbiamo compiere la nostra missione di proteggere le foreste. Riteniamo che fermare il commercio di materiali certificati e controllati FSC e, allo stesso tempo, mantenere la possibilità di gestire le foreste secondo gli standard FSC, soddisfi entrambe queste esigenze".

Nota: la scorsa settimana, ASI (Accreditation Services International) ha annunciato la cessazione dei certificati di accreditamento in Bielorussia a causa della non conformità con i requisiti fondamentali del lavoro di FSC e dei rischi per la sicurezza del personale coinvolto negli audit. Questa decisione è basata su un'indagine che ha preceduto l'invasione russa dell'Ucraina. Nota: la decisione sullo stop al materiale certificato o controllato diventa effettiva entro 30 giorni dalla pubblicazione dell’aggiornamento del Controlled Wood Risk Assessments for Russia and Belarus, quindi a partire dal prossimo 8 Aprile. Nota: la situazione ha sollevato una serie di domande da parte dei nostri partner, titolari di certificati e parti interessate: stiamo lavorando ad un documento di domande frequenti, che verrà aggiunto a questa pagina. Nota: pur in un contesto di estrema precarietà e in continua evoluzione, FSC Italia ha deciso di fare la propria parte sostenendo i bisogni del personale di FSC Ucraina attraverso la donazione simbolica di 1 € per ognuno degli oltre 4.500 certificati FSC emessi in Italia, San Marino, Vaticano, Slovenia, Croazia, Serbia e Bosnia Erzegovina. Per maggiori informazioni o per contribuire attivamente alla raccolta fondi, visita questa pagina.

Seguici su


Iscriviti alla newsletter

Ogni mese le migliori storie dalle foreste in Italia e nel mondo!


© Forest Stewardship Council® · FSC® F000217