NEWS

Notizie dal mondo FSC

Friday, 14 August 2020
Cosa c’è sulla griglia?

Cosa c’è sulla griglia? (© Lukas / Pexels.com)© Lukas / Pexels.com

L’estate è il periodo perfetto per un barbecue: un fenomeno in crescita, che in Italia vale quasi 70 milioni di euro ogni anno. Pochi però si soffermano sull’origine della carbonella utilizzata per cucinare, spesso incerta e in alcuni casi addirittura legata a processi di deforestazione nelle aree tropicali: un piccolo dettaglio che rischia però di avere enormi conseguenze sul Pianeta.


“Non esiste evento più in linea con l'idea dello "stare insieme mangiando" che il partecipare a un barbecue” qualcuno ha detto una volta. Il che è sicuramente ancora più vero se pensiamo ai mesi di lockdown appena trascorsi, e alla voglia di tornare a stare assieme ad amici e conoscenti.

Una moda, quella della grigliata, che parte però da lontano e che arriva in Italia direttamente dagli Stai Uniti, veri e propri campioni in questa disciplina: secondo uno studio condotto da eBay, nel quadriennio 2014-2018 gli articoli per barbecue venduti sul portale hanno registrato un incremento del 24,5%, mentre nel 2018 sono stati venduti un barbecue o griglia ogni 16 minuti. Con il 73% dei volumi, il barbecue a carbone rimane il preferito degli italiani (Fonte: Greenline, 2017).

La carbonella utilizzata può però nascondere un’amara verità: nel 2019, WWF ha infatti acquistato e fatto analizzare alcuni campioni di materiale. Il risultato? Due di questi, privi di certificazione, contenevano fibre tropicali. Il legno non certificato proveniente dalle regioni tropicali è maggiormente esposto a rischi quali il disboscamento illegale o il sovrasfruttamento delle foreste da cui viene ricavato, con gravi impatti su ambiente, economie e società locali.

A ciò si aggiunge, si legge sempre nel report, che il 54% dei prodotti non era dichiarato in maniera chiara sulla confezione, oppure la dichiarazione corrispondeva solo parzialmente al contenuto. Come WWF, anche FSC International si è mossa su questa strada, inaugurando nel 2017 una serie di azioni specifiche sulle filiere del carbone volte a limitare eventuali false dichiarazioni o prodotti certificati non conformi. In Italia, un test di compatibilità delle fibre condotto dal Forest Stewardship Council nel 2019 su prodotti acquistati al supermercato o nei negozi di fai-da-te ha rilevato 2 casi critici su un totale di 5 campioni analizzati.

“Si tratta di rafforzare i controlli sulla filiera, al fine di garantire venditori e consumatori rispetto al prodotto finale” ha dichiarato Diego Florian, Direttore di FSC Italia “Gli errori possono alimentare aree grigie ed economie che lavorano a discapito di foreste e persone, moltiplicando il loro impatto negativo nei vari passaggi della filiera. Queste azioni, assieme alla verifica delle transazioni e all’identificazione delle fibre di legno tramite analisi, sono tra gli strumenti che stiamo impiegando per escludere dal mercato legno e derivati ad alto rischio”.

La prossima volta che acquisti carbonella o briquettes quindi, butta un occhio alla confezione, alla certificazione e alle informazioni riportate; controlla le specie impiegate, la provenienza o fai un check della validità del certificato FSC attraverso il nostro database pubblico delle certificazioni: è solo un piccolo gesto, che ti permetterà però di trascorrere una serena giornata in compagnia, sapendo di aver dato un contributo positivo alle foreste del mondo.


Seguici su


Iscriviti alla newsletter

Ogni mese le migliori storie dalle foreste in Italia e nel mondo!


© Forest Stewardship Council® · FSC® F000217