NEWS

Notizie dal mondo FSC

Tuesday, 03 March 2020
Le filiere sostenibili sono la chiave per combattere la deforestazione tropicale

Le filiere sostenibili sono la chiave per combattere la deforestazione tropicale (© I Am Expedition / FSC Italia)© I Am Expedition / FSC Italia

Enormi aree di foresta tropicale - l'equivalente della superficie del Regno Unito - sono distrutte o degradate ogni anno e la domanda di materie prime in Europa contribuisce in modo significativo a questo processo. Un report di IDH, coalizione che mette assieme governi, società civile e ONG, fa luce su cause e possibili soluzioni.


La produzione agricola è la principale causa diretta di deforestazione e degrado delle foreste nei Paesi tropicali: secondo l’ultimo rapporto dell’IPCC, il comitato scientifico sui cambiamenti climatici istituito dalle Nazioni Unite, la fornitura pro capite globale di oli e carne è più che raddoppiata dal 1961 ad oggi, con importanti implicazioni per le foreste.

Il documento The urgency of action to tackle tropical deforestation - Protecting forests and fostering sustainable agriculture, pubblicato da IDH, riporta l'urgente necessità di agire per ridurre l’impronta ambientale di 8 commodities (olio di palma, soia, manzo, cacao, caffè, gomma, polpa di legno e carta, legname tropicale) in 12 mercati europei e in 7 Paesi produttori.

La situazione a livello globale

Commodities and carbon footprint (© IDH)© IDHNonostante l'area forestale mondiale sia diminuita dal 31,6% al 30,6% tra il 1990 e il 2015, il ritmo delle perdite è rallentato negli ultimi anni. Alcuni nuovi fenomeni si stanno tuttavia delineando, modificando fattori quali la biodiversità, e con conseguenze lungo le filiere.

Innanzitutto si stanno spostando gli hotspot della deforestazione: se nel 2002 il Brasile e l'Indonesia rappresentavano il 71% della perdita di foresta tropicale primaria, nel 2018 questo dato si è ridotto a meno della metà del totale. Paesi come Colombia, Costa d'Avorio, Ghana e Repubblica Democratica del Congo sono ora le aree dove si registrano i maggiori record negativi: ad esempio, nell'Africa sub-sahariana la deforestazione è aumentata del 33,9% nel solo 2017, con impatti soprattutto sulle foreste primarie; inoltre, sei dei primi dieci Paesi tropicali che hanno registrato il maggiore tasso di perdita di foreste tra il 2017 e il 2018 sono africani.

L’altro fattore importante è che, sempre più, questa perdita è direttamente collegata alla produzione di commodities. A tagli illegali, piantagioni selvicolturali create a scapito di foreste naturali e pratiche slash and burn (una tipologia di attività agricola che prevede il taglio e la combustione di piante in una foresta o bosco per creare terreni coltivabili), si è sommato negli ultimi anni l’aumento di richiesta di prodotti come cacao e palma da olio, e la pressione quindi esercitata sulle foreste dalla domanda di queste tipologie di prodotti.

L’Europa e l’Italia

Italy carbon footprint (© IDH)© IDHI Paesi europei importano una quota significativa della domanda globale di materie prime agroforestali; queste materie prime (soprattutto olio di palma, gomma, cacao, caffè e legno tropicale) alimentano la domanda di consumo e le grandi industrie di trasformazione. I dati contenuti nel report di IDH dimostrano che, in media, le emissioni da deforestazione prodotte da queste importazioni rappresentano il 50% delle emissioni agricole nazionali nei 12 Paesi europei presi in esame; tuttavia, l’approvvigionamento di queste commodities da filiere sostenibili potrebbe far risparmiare quasi mezzo miliardo di tonnellate di CO₂ nel prossimo decennio.

Un segnale positivo arriva dal settore forestale e dalla produzione di legname tropicale sostenibile, che interessa oggi 30 milioni di ettari. Grazie a questo incremento, il 25-32% dei principali prodotti legnosi tropicali importati nell'UE è ora accompagnato da certificazione di filiera sostenibile.

Per quanto riguarda l’Italia, le tre maggiori materie di importazione risultano essere palma da olio (1.3 milioni di tonnellate/anno), polpa di cellulosa (3.3 milioni, con importazioni soprattutto da Brasile, USA e Svezia) e soia (3.5 milioni). Il legno tropicale, nel quinquennio preso in esame (2011-2016), si attesta sulle 224.000 tonnellate/anno, con un trend negativo di -5.8%.


Seguici su


Iscriviti alla newsletter

Ogni mese le migliori storie dalle foreste in Italia e nel mondo!


© Forest Stewardship Council® · FSC® F000217