NEWS

Notizie dal mondo FSC

Wednesday, 05 June 2019
Dal RaF nuova linfa per la politica forestale italiana

Dal RaF nuova linfa per la politica forestale italiana

Rilasciato ufficialmente il 21 Marzo e poi presentato il 30 Maggio a Roma, il Rapporto nazionale sullo stato delle foreste e del settore forestale in Italia (RaF Italia), realizzato da CREA e Direzione generale delle foreste del Mipaaft, è uno strumento fondamentale per conoscere il patrimonio forestale, le politiche forestali, il mercato dei prodotti legnosi e non legnosi e i servizi naturali nel nostro Paese.


È un clima positivo e di grande collaborazione quello respirato nella sala Cavour del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo durante la presentazione del RaF, il primo rapporto sullo stato delle foreste e del settore forestale in Italia (disponibile per il download nel box in fondo alla pagina). Il rapporto, redatto in attuazione delle disposizioni del dlgs 3 aprile 2018, n. 34 "Testo unico in materia di foreste e filiere forestali", è frutto di un lavoro che ha coinvolto 214 esperti di Enti, Istituzioni, Amministrazioni e Associazioni nazionali e regionali, e che contiene notizie, indicatori e case history di successo.

L’apertura dell’evento è stata affidata alla Dott.ssa Alessandra Stefani, Direttore Generale della Direzione Foreste, la quale ha confermato la proficua e attiva collaborazione tra le parti coinvolte, e l’importanza per il nostro Paese di dotarsi di uno strumento conoscitivo del patrimonio e dei servizi forestali. Le informazioni disponibili sono state suddivise in 8 Aree (Patrimonio forestale; Gestione e tutela delle foreste; Alberi fuori foresta, monumentali e in ambiente; Politiche forestali; Prodotti legnosi; Prodotti non legnosi del bosco; Servizi di regolazione e culturali del bosco; Imprese e lavoro in bosco), a loro volta organizzate in 3 sezioni distinte: Notizie dal settore forestale; Focus; Indicatori, Argomenti commentati e Buone pratiche.

Si conferma il dato sulla superficie nazionale coperta da boschi (40%), la tendenziale diminuzione degli incendi e gli importanti controlli sulle utilizzazioni. Tuttavia, come sottolineato anche da Giancarlo Blangiardo, Presidente ISTAT, in Italia il settore forestale è purtroppo ancora poco conosciuto: tra le aree strategiche dove i dati ancora scarseggiano vi sono i prelievi di legname, la biodiversità e lo stato sanitario. Ancora marcato risulta inoltre il divario organizzativo tra Regioni, con Piemonte, Lombardia, Toscana e province autonome di Trento e Bolzano tra le più virtuose; solo il 18% della superficie forestale totale è inoltre coperto da piani di assestamento, e il 9% da certificazione.

“Conoscere le nostre foreste ci aiuta a gestirle meglio” è il commento di Davide Pettenella, Presidente di FSC Italia, tra i relatori del convegno del 30 Maggio. “Gestirle meglio è condizione necessaria per politiche di lungo periodo volte a prevenire disastri naturali, a minimizzare gli effetti dei cambiamenti climatici, a fornire supporto alle industrie operanti nel mercato e a dare un futuro più verde al nostro Paese”.

Due le tavole rotonde (Informatizzazione dei dati amministrativi regionali in materia forestale e Tematiche strategiche per il settore forestale da trattare nel prossimo RaF Italia) inserite nel programma dell’evento. Tra le storie di successo contenute nel RaF e presentate a Roma, infine, quella del Bosco Limite di Carmignano di Brenta (PD), esperimento di ricerca e sviluppo in ambito forestale svolto da Etifor che a Dicembre 2018 ha ottenuto la verifica FSC dei cosiddetti “servizi ecosistemici” o naturali, ossia gli impatti generati su aria, acqua, suolo e paesaggio dalla buona gestione dell’area forestale.



Seguici su


Iscriviti alla newsletter

Ogni mese le migliori storie dalle foreste in Italia e nel mondo!


© Forest Stewardship Council® · FSC® F000217