I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni …

Ok, ho capito

Eventi

Tuesday, 20 June 2017
Garantire foreste per tutti, per sempre: il resoconto dell’Assemblea dei Soci 2017

Hero: Assemblea dei Soci 2017 (© Giulia Grotto / FSC Italia)© Giulia Grotto / FSC Italia

Giovedì 15 giugno si è tenuto a Roma l’evento annuale dedicato ai Soci di FSC Italia: un’occasione per dare il benvenuto ai nuovi membri della compagine sociale, eleggere i nuovi membri del Comitato Esecutivo, ricevere gli aggiornamenti su certificazioni, nuovo standard di Gestione Forestale per l’Italia, mercato e società e avere un’anteprima dei trend per il 2017.


Nuovi soci, nuovo comitato esecutivo, nuovo standard di Gestione Forestale, nuove certificazioni: quella di giovedì 15 giugno è stata molto più che un’ordinaria assemblea. Le novità presentate dallo staff di FSC Italia sono molte; scopriamo le principali in questo resoconto.

Nuovi soci

Il carattere associativo è profondamente radicato nel sistema del Forest Stewardship Council: aziende, ONG, sindacati e consumatori sono infatti incoraggiati ad essere parte attiva nei processi decisionali, attraverso l’adesione ad una delle 3 camere di riferimento (ambientale, sociale ed economica).

Il 2017 si è aperto registrando 66 Soci attivi, il 5 per cento in più rispetto all’anno precedente; tra le nuove adesioni troviamo aziende come Amorim Cork Italia s.p.a, AzzeroCO2, C.D.A di Cattelan s.r.l, Etifor s.r.l, IKEA Purchasing Services Italy s.r.l e Sofidel s.p.a e associazioni come AFP - Associazione Forestale di Pianura e Fondazione Metes.

L’obiettivo per il 2017 è mantenere il segno positivo, incrementando ulteriormente la base sociale con almeno 10 nuove organizzazioni, in particolare per quanto riguarda la Camera Sociale, e lavorando, in vista della General Assembly FSC di Vancouver (8-13 ottobre 2017), per portare almeno 2 nuove figure alla membership internazionale.

Nuovo Comitato Esecutivo

Come da prassi, alla scadenza del mandato triennale si è proceduto al rinnovo del Comitato Esecutivo dell’Associazione, formato da 9 rappresentanti eletti dalle tre Camere di appartenenza (ambientale, sociale ed economica) eleggibili consecutivamente per 2 volte.

La votazione ha visto la conferma dei candidati alla camera ambientale Lucio Brotto, Dottore forestale, ricercatore universitario e socio internazionale di FSC AC; Antonio Pollutri, Referente biodiversità di WWF Italia e Vito Nicola Tatone, consulente Ambiente e Qualità; i referenti della camera sociale sono invece Claudio Garrone, rappresentante di AFI – Associazione Forestale Italiana; Davide Pettenella per ASF – Agronomi e Forestali Senza Frontiere e la new entry Greta Liuzzi di AUSF Italia. La componente economica è infine costituita da Elmar Gruber dell’impresa boschiva altoatesina Waldplus; Mauro Masiero, Dottore forestale e ricercatore universitario senior, tra i soci di FSC AC; Liviu Amariei di Astracademy, ente di formazione per auditor, consulenti ed aziende per diversi schemi di certificazione, tra cui FSC.

Nuovo standard di Gestione Forestale per l’Italia

In seguito all’intenso lavoro di scrittura e test del documento, il nuovo standard di Gestione Forestale FSC per l’Italia è stato inviato ad FSC International il 21 novembre scorso per la verifica preliminare. Ad inizio 2017 è stato quindi rilasciato un report generale sullo standard da parte della Policy and Standard Unit (PSU) di FSC, per evidenziare gli aspetti da approfondire o rivedere, risolti dal Gruppo di Lavoro nel corso delle seguenti settimane.

In attesa dell’approvazione finale del documento, prevista per luglio 2017, durante l’Assemblea è stato illustrato il percorso del gruppo di lavoro responsabile per la stesura dello standard, ed in particolare l’adozione di un approccio adattativo, piuttosto che tradizionale, nel sistema di gestione forestale.

Tra le novità dello standard, che auspica al superamento delle differenze su base locale e regionale in favore di un quadro di azione comune, vi è la definizione delle Aree Rappresentative, ovvero porzioni dell’unità di gestione delineate al fine di conservare o ripristinare esempi di ecosistemi propri della regione geografica; l’accento sui servizi ecosistemi derivanti dalla gestione delle aree e l’attenzione posta agli aspetti lessicali: troppo spesso infatti lo ‘standardese’, unitamente agli aspetti tecnici, risulta essere uno dei principali ostacoli nella comprensione ed implementazione di questo tipo di documenti.

Diffusione della certificazione in Italia

Il 2017 può essere considerato un punto di svolta fondamentale per il sistema di filiera certificata FSC: a gennaio infatti è stato rilasciato il nuovo standard FSC-STD-40-004 V3-0 Chain of Custody Certification, caratterizzato da modifiche e aggiornamenti che mirano a facilitare le disposizioni in materia di Catena di Custodia, e anticipato da attività di consultazione che hanno visto la partecipazione di molti degli attori coinvolti.

Ad aprile 2017 risutlano 2.147 le Aziende che detengono, nel nostro Paese, un valido certificato di Catena di Custodia FSC, con un aumento del 5,7 per cento rispetto al dato 2015. Come per gli anni scorsi, si conferma preponderante il comparto di Stampa ed editoria (34 per cento), seguito da quello di seconda trasformazione del legno (29 per cento) e della carta (21 per cento).

I gruppi di prodotto in maggiore crescita sono dunque, secondo la classificazione del Database FSC, il P2 (Carta), il P5 (Imballaggi e confezioni di carta), il P7 (Articoli di cancelleria) e il P8 (Materiali stampati); nel comparto legno crescono invece il W5 (Legno massello), il W8 (Pannelli in legno), il W11 (Legno per costruzione) e il W12 (Arredi per interni).

Il Bilancio Sociale 2016

È stato presentato il secondo Bilancio Sociale di FSC Italia, documento che, oltre ad essere obbligatorio per legge a seguito della costituzione dell’Impresa Sociale (2015) legata all’Associazione, è concepito come strumento di trasparenza nei confronti dei portatori di interesse, in grado di raccontare le attività e i target.

Il documento di quest’anno è stato concepito in due formati: uno cartaceo, contenente overview e trend degli indicatori di performance rispetto al 2015; uno online, disponibile all’indirizzo bilanciosociale.fsc-italia.it, che si configura come piattaforma di rendicontazione e di narrazione delle attività dell’ufficio italiano del Forest Stewardship Council: diviso in 7 sezioni principali (Lettera agli stakeholders, Nota metodologica, Informazioni generali, Identità, Attività e indicatori di performance, Esame della situazione finanziaria e Altre informazioni), nel nuovo bilancio online sono stati inseriti una sezione di approfondimento su tematiche relative alle foreste e alla gestione forestale (Appendice), con focus sui Sustainable Development Goals dell’ONU e il ruolo della gestione forestale nelle politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici; un Glossario, che mira a facilitare la comprensione di alcuni termini tecnici; una Gallery, che completa visivamente i contenuti riportati nelle altre sezioni, ampliando il percorso e restituendo un quadro dei protagonisti (Associazioni, Aziende e Cittadini) dell’anno conclusosi.

Questa piattaforma, disponibile anche nelle versioni per tablet e smartphone, è stata inoltre pensata come strumento di narrazione in grado di amplificare i contenuti della gestione forestale responsabile e raccontare storie, persone e luoghi.

Mercato ed eventi

La giornata si è conclusa con la descrizione delle attività messe in campo da FSC Italia: dalla conferenza stampa e press tour nei boschi certificati del Comune di Asiago; alla partecipazione a Vinitaly 2017 con un progetto sul vino amico delle foreste che ha visto l’interazione con Cielo e Terra s.p.a e ad altri importanti player del settore come Amorim Cork Italia, UPM Raflatac e DS Smith; all’evento in occasione dell’FSC Friday 2017 (29 settembre) che vedrà coinvolti AFP - Associazione Forestale di Pianura, 8 Comuni del Veneto Orientale e gli enti turismo del litorale nella promozione della certificazione e dell’offerta turistica e di servizi legati al bosco; alla General Assembly di FSC, prevista a Vancouver dall’8 al 13 ottobre.

Il focus si è poi spostato su Ecomondo, la fiera della green and circular economy che avrà luogo come di consuetudine presso la Fiera di Rimini dal 7 al 10 novembre. Quest’anno FSC Italia punta a replicare il successo dello scorso anno, proponendo un format che mira a trasformare lo stand in hub della responsabilità in ambito forestale, coinvolgendo alcune aziende partner tra cui Tetra Pak®. A fianco dello spazio espositivo, che vanta la prima certificazione di progetto del genere in Italia, verrà organizzato un convegno sulla gestione forestale responsabile, con la possibilità di presentazione delle aziende partner del progetto.

Quello di Ecomondo si configura come il primo, importante passo in un percorso che conferma la centralità della certificazione di gestione responsabile nel mercato, portando FSC Italia a diventare acceleratore di sinergie tra Aziende certificate.


© Forest Stewardship Council® · FSC® F000217