Comunicati stampa

Monday, 07 September 2015
Greenpeace International e il Forest Stewardship Council (FSC) tracciano un sentiero comune sullo sfruttamento e protezione delle foreste incontaminate nel Mondo

Bonn, 07/09/2015 – Alla vigilia del 14esimo World Forest Congress che si terrà questa settimana a Durban (Sud Africa) due delle più autorevoli voci in campo ambientalista – Kim Carstensen, Direttore Generale del Forest Stewardship Council (FSC) e Kumi Naidoo, Direttore Esecutivo di Greenpeace International – si sono incontrati ad Amsterdam per discutere su come salvare le ultime aree di foresta incontaminata a livello mondiale, quelle aree cioè che non sono ancora interessate da attività umana e conosciute con il nome di Intact Forest Landscape (IFL – Paesaggi Forestali Intatti).


“FSC può giocare un ruolo fondamentale in questa sfida” ha commentato Carstensen “Per assicurare la protezione delle foreste, infatti, dobbiamo approcciarci a questo problema con un ventaglio di soluzioni: alcune di queste zone sono infatti protette; altre sono riservate alle popolazioni indigene; altre ancora vengono invece sfruttate in maniera responsabile secondo i rigorosi standard di FSC. Dobbiamo tenere a mente che sostenere due posizioni estreme come quella di certificare tutte le foreste intatte per uso commerciale da un lato, e applicare rigorosamente la protezione globale di tali zone dall’altro, risulta essere poco fattibile, poco pratico e poco auspicabile”.

Prosegue Kumi Naidoo: “Se continueremo a considerare la necessità di proteggere l’ambiente e i bisogni delle persone come due cose distinte, non avremo vincitori. Solo coniugando questi due aspetti, evidenziando i punti di contatto e assicurandoci di avere una situazione che rispetti ambiente e persone allo stesso tempo, potremo dire di avere fatto dei passi avanti. Secondo questa visione, la vera sfida è capire se gli esseri umani possono trovare un modo di coesistere con la natura in maniera interdipendentee per i secoli a venire".

Gli IFL rappresentano circa il 25% della superficie forestale mondiale e si estendono in 64 Paesi.
La Mozione 65, presentata da Greenpeace e da altre associazioni all’Assemblea Generale di FSC nel 2014 e accolta dalla maggioranza dei membri, richiede a FSC di sviluppare misure specifiche per proteggere gli IFL; in questo modo, a partire dal 2016, il Forest Stewardship Council sarà il primo schema di certificazione ad include gli IFL all’interno dei propri standard di gestione forestale.

Kim Carstensen e Kumi Naidoo saranno presenti al World Forestry Congress.



Ufficio Stampa e Contatti Media

Alberto Pauletto
FSC Communications Manager

a.pauletto@it.fsc.org
+39 049 8762749


Press kit

» Download

Pubblicazioni

FSC Market Info Pack 2016
Settori chiave, tendenze di mercato e innovazioni del sistema FSC.
» Download

FSC Market Info Pack 2015
Tutti i numeri del Forest Stewardship Council nel mondo.
» Download

Piano Strategico Globale 2015-2020 di FSC
» Download

© Forest Stewardship Council® · FSC® F000217