Certificazioni

Tuesday, 28 November 2017
#AForestInAYear: Gruppo Waldplus

#AForestInAYear: Gruppo Waldplus (© Giulia Grotto / FSC Italia)© Giulia Grotto / FSC Italia

752 ettari di boschi sparsi tra Milano, Bolzano, Verona e Venezia, la cui gestione è finalizzata alla produzione di legname a scopi commerciali ma anche alla valorizzazione dei servizi ecosistemici. Abbiamo intervistato Elmar Gruber, proprietario dell’impresa Waldplus s.r.l e gestore di uno delle certificazioni di gruppo più dinamiche nel nostro Paese, che ci ha parlato delle potenzialità dei piccoli produttori forestali in Italia e di quella volta in cui ha venduto la legna su Amazon.


11 milioni di ettari: questa è l’estensione raggiunta dai boschi italiani ai giorni nostri; di questi, due terzi sono in mano a piccoli proprietari privati che spesso ignorano di possederli. A ciò si aggiungano ostacoli logistici, burocratici e di gestione sul lungo periodo. Waldplus s.r.l nasce per volontà di Elmar Gruber al fine di coinvolgere quei proprietari forestali privati che, per motivi di tempo e di interesse, non si sono mai occupati della gestione dei propri boschi, offrendo servizi di gestione diretta e di supporto tecnico alla pianificazione della risorsa forestale.

Il Gruppo Waldplus è ad oggi composto da 28 unità forestali, distribuite sul territorio nazionale tra Trentino Alto-Adige, Veneto e Lombardia; di queste, 8 sono realtà comunali in provincia di Venezia rappresentate dall’Associazione Forestale di Pianura, prima associazione di proprietari di boschi di pianura creata per la gestione efficiente, responsabile e sostenibile delle risorse forestali di pianura. A Waldplus spettano tutte le attività inerenti al supporto tecnico e alla verifica delle operazioni forestali, al monitoraggio interno del Gruppo, alla valutazione degli impatti socio-economici e ambientali legati alla gestione forestale per verificare l’effettiva attuazione dei requisiti di certificazione.

Ma è l’approccio alla gestione l’elemento davvero innovativo: “Se pensiamo al bosco semplicemente in termini di alberi e legna, il mercato - soprattutto italiano - ha poco da offrire” esordisce Elmar “Ma se lo si considera nella sua interezza, ossia come un’insieme di servizi aggiunti (economici, sociali, ambientali), ecco che le cose cambiano”. La certificazione FSC del Gruppo Waldplus, che risale al luglio 2014, è infatti una delle prime certificazioni di gruppo in Italia creata con lo scopo di valorizzare non solo le funzioni produttive del bosco e la produzione di legname a scopi commerciali, ma anche i beni e servizi direttamente fruibili dal bosco: turismo, regolazione del ciclo delle acque e dei nutrienti del suolo, prevenzione del dissesto idrogeologico. Ed è proprio nei boschi di uno dei membri del Gruppo forestale WaldPlus, quelli dell’Associazione Forestale di Pianura, che a giugno di quest’anno si è tenuto il primo test per la certificazione dei servizi ecosistemici “C’è ancora molta strada da fare, ma credo che la direzione sia quella giusta” sottolinea.

Una direzione che a volte comprende svolte inaspettate, come quella del mercato online: l’innovazione passa infatti anche dalla scoperta di nuovi canali e filiere dove proporre i propri prodotti. “Qualche anno fa ho aperto un profilo su Amazon; da allora, i miei box di faggio FSC stanno avendo un discreto successo” ammette Elmar. “E questo perchè, credo, la legna che vendo ha una storia da raccontare”: i ciocchi di faggio provengono infatti dai boschi certificati dei piccoli proprietari gestiti da Waldplus, e sono l’esempio di come le micro-realtà forestali, altrimenti abbandonate o degradate, possano entrare nel mercato.


Ecco perchè si deve innanzitutto riconoscere il valore legato alla gestione della risorsa forestale, spingendo i proprietari privati e pubblici ad un impegno concreto e di lungo respiro, in termini di raggiungimento della certificazione, ma anche di mantenimento della stessa. “E’ solo così che potremo far capire al consumatore finale il plus rappresentato dalla gestione forestale responsabile per il territorio e le persone, e il ruolo di FSC come garanzia di queste buone pratiche”.


Seguici su


© Forest Stewardship Council® · FSC® F000217